SUOR DANIELA MACCARI CI FA CONOSCERE IL CULTO DEI MORTI IN ECUADOR

Il ricordo dei defunti è oggetto di manifestazioni in tutto il mondo, sempre con sentimenti di affetto dei vivi nei confronti degli avi che sono passati nell’aldilà.

Delle celebrazioni molto particolari, ricche di folklore e di profondo significato umano arrivano dall’Ecuador, grazie alla Missionaria Comboniana varazzina Suor Daniela Maccari, che da anni è impegnata in missioni nei paesi più poveri dell’Africa e dell’America Latina, paesi dove nel mondo degli ultimi le tradizioni sono un collante dell’umanità.

In questa testimonianza inedita Suor Daniela ci fa conoscere gli usi e i costumi di popoli diversi e lontani, come arricchimento culturale per noi occidentali.

Ecuador – Animeros e tradizione dei defunti

«Una figura tradizionale con un compito di rilievo nel mese dei defunti è l’ANIMERO, ossia la persona che si preoccupa delle anime dei fedeli defunti. La sua funzione è mantenere vivo il ricordo delle anime dei defunti e pregare perchè tutte siano liberate dalle pene che potrebbero ancora soffrire e raggiungere così il paradiso.

Gli animeros sono uomini del popolo, a volte anche donne, che si preparano a questo servizio religioso imparando a memoria canti e preghiere, per il quale la gente ha grande rispetto e un po’ di timore.

Volendo vedere più da vicino di cosa si trattasse, ho chiesto a donna Olivia, una signora del popolo afrodiscendente di Carpuela, se mi permetteva accompagnarla una notte nel suo itinerario e data la sua disponibilità sono entrata un po’ in quella religiosità e spiritualità popolare molto forte che lega i vivi ai defunti.

Erano le dieci di sera quando lei, io e due uomini, ci siamo avviati al cimitero del paese dove con una preghiera prima e poi esortazioni piuttosto forti donna Oliva ha invitato le anime dei morti ad uscire dalle tombe scuotendole con una scopa, perchè si alzassero e ci accompagnassero. Per evitare, essendo io straniera, che qualche spirito mi potesse fare del male, don Patricio mi ha soffiato varie folate di tabacco come prevenzione e protezione.

Ritornati per un percorso di circa 20 minuti dal cimitero al paese, quella sera tutto buio, silenzioso e con tutte le televisioni spente, abbiamo iniziato al suono tipico di una campana ad avvisare il nostro arrivo. Erano già varie sere e notti che il gruppo di animeros ripeteva strada per strada quella cerimonia fino a passare per tutte le strade e tutte le case. Un lavoro, dalle 10 di sera alle due o tre di notte, che dura circa un mese.

Davanti alla porta di ogni casa ci si ferma, si prega, si cantano strofe di inni sullo stile del Dies Irae invitando alla conversione, alla rinuncia al peccato, al bisogno di implorare perdono e misericordia per le anime del purgatorio… dopo di che, una persona della casa, senza farsi vedere e con voce sommessa indica dove sta passando l’offerta mettendo la mano “sotto la porta” – “dalla finestra” e così, pregando davanti ad ogni casa e passando per tutte le famiglie si riunisce un’offerta per la Messa che sarà in suffragio di tutti i defunti di quel paese.

Verso le due o le tre, dopo circa cinque ore di questo servizio religioso, si ritorna al cimitero per riportare le anime a riposare nelle loro tombe e con altre preghiere si termina la celebrazione di quella sera e si ritorna a casa.

Ripetere questa tradizione, senza nessun lucro e guadagno, è un servizio piuttosto pesante, che richiede dedizione e fede, ma molto rispettato dalle persone che collaborano con offerte e preghiere per l’eterno riposo e la pace dei loro defunti. (sr. Daniela – misionera in Ecuador)»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: