LA NOCCIOLA TAPPARONA DEL LEVANTE GENOVESE ENTRA NEI PRESIDI SLOW FOOD

Un nuovo ingresso nei Presidi Slow Food per la Liguria, si tratta della Nocciola Tapparona, coltivata nella Valle Sturla nell’estremo Levante della Provincia di Genova.

La nocciola, già facente parte del progetto L’Arca del Gusto, è una cultivar locale con alberi cespugliosi, polloniferi e vigorosi, presenta una chioma espansa, branche patenti ed una corteccia liscia marrone-grigiastra.

La pianta è vigorosa ed ha una produzione costante, le nocciole, sia in guscio che sgusciate, hanno un peso medio elevate ed una forma allungata. Tuttavia, per via della scarsa pelabilità, queste nocciole sono poco utilizzate per la trasformazione industriale ma vengono commercializzate come frutto da guscio oppure sgusciate in granella e pasta.

Il settore coricolo in Provincia di Genova ha una tradizione molto antica, specialmente nelle valli del Levante quali Sturla, Fontanabuona e Graveglia, spesso coltivate in terrazzamenti a fasce di modeste dimensioni ma di grande impatto paesaggistico. Purtroppo da diverso tempo si evidenzia una lenta ma continua diminuzione delle quantità di prodotto raccolto.

La coltivazione del nocciolo, insieme a quello del castagno, nell’entroterra di Chiavari risale almeno al Tardo Medioevo, la prima testimonianza scritta si ha con degli atti notarili del Fondo Archivistico Notarile di Chiavari del XV Secolo. In un opuscolo del 1853 si parla della coltivazione del nocciolo che da ricchezza al Comune di Mezzanego e a quello di San Colombano, dicendo che non c’è coltura più utile e proficua di questa. Negli anni ‘50 nell’area dell’entroterra chiavarese il nocciolo aveva in parte sostituito il castagno, coltura che si era ridotta nella produttività a causa di fitopatologie quali il cancro colorato e il mal dell’inchiostro.

La Nocciola Tapparona stava rischiando di scomparire in tempi recenti per via della lenta ma inesorabile diminuzione della quantità di prodotto raccolto, per le problematiche legate alle dimensioni aziendali come il frazionamento della proprietà e la scarsa remunerazione del prodotto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: