Vandali in azione l’altra notte a Varazze, devastate due bacheche culturali

Vandalismo la scorsa notte a Varazze, alcuni ignoti, probabilmente ragazzi annoiati, hanno devastato la bacheca dell’Associazione Culturale “U Campanin Russu” e quella del Museo del Mare, frantumando i vetri e disperdendo parte del contenuto.

L’azione, dicono amaramente dall’Associazione, meriterebbe di essere pubblicamente premiata con una medaglia alla stupidità.

«Anche se sono ragazzi – ci ha detto un mamma di passaggio in piazza San Bartolomeo -, mi fanno sentire triste perché così facendo dimostrano di avere dentro un grande vuoto. Vorrei tanto poter parlare con loro e fargli capire la gravità del gesto compiuto a danno della collettività.»

Gesti vandalici che ci portano alla mancanza di senso civico, e che devono essere sconfitti cominciando con l’educazione all’interno della famiglia e poi con l’educazione civica a scuola, coinvolgendo l’intera comunità nessuno escluso.

Il presidente de “U Campanin Russu” Mario Traversi ha così commentato quanto successo: «Dopo diversi piccoli raid, tanto per far sentire la propria imbecillità, le gesta teppistiche dei perdinotte, che non mancano mai, si sono rivolte alla cultura, ma non per attingervi qualcosa che possa farli uscire dalle loro nebbie cerebrali, il che sarebbe troppo oneroso per i poveri neutroni arrugginiti dai video giochi e dalle movida, ma per distruggere la bacheca dell’Associazione Culturale “U Campanin Russu” e del “Museo del Mare”, posizionata in piazza San Bartolomeo, facendo scempio dei vetri e degli articoli in essa contenuti.

E’ la prima volta che succede e ne traiamo un segno dei tempi, purtroppo.

Dopo il confinamento (la nostra lingua ha ben altri termini da usare, invece di pappagalleschi inglesismi…), evidentemente l’interpretato “tutti liberi” ha messo le ali agli asini, i quali, per dimostrare la propria euforia contenuta e mal digerita nei mesi scorsi, si scatena in un fantasioso “paese dei balocchi”. Peccato che anche a costoro non spuntino le orecchie che fece rinsavire il povero pinocchio. Ma anche quel bellissimo libro di Collodi è sconosciuto agli imbecilli di oggi. Sarebbe uno sforzo incredibile leggerlo e trarne qualche motivo di meditato comportamento.»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: