Il doppio anniversario di Gianni Rodari

Quarant’anni fa, il 14 aprile del 1980, moriva improvvisamente a Roma, a causa di un attacco cardiaco, uno degli autori dell’infanzia più amato di tutti i tempi: Gianni Rodari. Quest’anno si celebra una doppia ricorrenza di Rodari, i quarant’anni dalla morte ed il centenario dalla nascita, avvenuta il 23 ottobre del 1920 ad Omegna, sul Lago Maggiore.

Nel 1937, a soli diciassette anni si diplomò alle Scuole Magistrali come maestro e nel 1939 si iscrisse alla facoltà di lettere dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Esonerato dal servizio militare durante la guerra a causa della salute cagionevole dopo il conflitto iniziò la carriera di giornalista in diversi periodici quali “Cinque punte” e “L’ordine nuovo”. Nel 1947 incominciò a lavorare a “L’Unità” e, due anni dopo, nel 1949 iniziò la sua carriera di autore per bambini e ragazzi incominciando a collaborare con “La domenica dei piccoli”.

Nel 1950 lasciò L’Unità e si trasferì a Roma dove, a soli trent’anni, fondò e diresse insieme a Dina Rinaldi il periodico per ragazzi “Pioniere” in cui venivano pubblicati alcuni fumetti quali il francese Chiodino e soprattutto Cipollino, inventato da Rodari che divenne un personaggio di grande successo nel mondo del fumetto italiano e che venne pubblicato anche in Russia e Germania.

A partire dal 1958 iniziò a collaborare con la Rai, creando il programma televisivo per bambini “Giocagiò”, nel programma venivano insegnati, in modo divertente ai più piccolini, le attività manuali e pratiche, da quelle di uso comune fino alla cura di piante, fiori e animali.

Nel 1973 pubblicò un importante libro pedagogico dal titolo “Grammatica della fantasia” e continuò a dedicarsi alla letteratura per ragazzi, pubblicando libri di grande successo quali “Filastrocche in cielo e in terra”, “Il libro degli errori”, “Favole al telefono”, “Il gioco dei quattro cantoni” e “C’era due volte il barone Lamberto”. Dal suo primo libro, “La freccia azzurra” pubblicato nel 1954 è stato tratto un cartone animato per la regia di Enzo D’Alò.

GIANNI-RODARI-1024x965

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.