Raffaello, i 500 anni e la didattica a distanza

Il tentativo di raccontare Raffaello deve partire dalla fine, e tentativo rimane comunque. Senza retorica, senza superlativi, perché le creazioni di certo ingegno necessiterebbero di poche didascalie. Sono, punto. Capitano poi gli incroci del calendario, gli anniversari e le impalcature per celebrarli, le ricorrenze e il tempo presente: il 6 aprile 1520 il trentasettenne Raffaello di Giovanni Santi da Urbino moriva nella Roma di Leone X Medici, cantiere del Rinascimento più compiuto.

L’anniversario, annunciato da tempo e così importante da creare un anno eponimo – “2020 anno di Raffaello” – incrocia però questo 6 aprile di pandemia, di tensione e sofferenza: un tempo sospeso, quando non drammatico, letto nei romanzi, registrato dalla storia ma, per tutti, lontano da ipotesi di realtà. Nel mondo dell’istruzione, l’anniversario incrocia un 6 aprile di didattica a distanza, quindi di rimodulazione nei modi e nei tempi della consuetudine scolastica. Così, quel tentativo di raccontare Raffaello passa, reinventato, tra le maglie strette della videolezione, escogita la passeggiata virtuale per le Stanze Vaticane e per le sale della mostra alle Scuderie del Quirinale – chiusa ma ancora in corso, somministra su “classroom” un compito di realtà perché i ragazzi acquisiscano competenza. Ma di cosa? Di Raffaello e dell’invenzione della bellezza? Non se ne ha certezza neppure quando ci si incanta di fronte alla Scuola di Atene, difficile sperarlo in questa situazione. Eppure, proprio questa situazione può fare la differenza.

E allora partiamo dalla fine a dire di Raffaello, della morte e dei 500 anni, dell’impresa di veicolarlo attraverso la didattica a distanza. Raffaello è tutto lì, nell’epitaffio inciso sul sarcofago classicheggiante al Pantheon che ne racchiude le spoglie: “… lui vivo la grande madre di tutte le cose temette di essere vinta, lui morto di morire con lui”. Raffaello è questo: è l’inventore della bellezza intesa come perfezione formale nell’imitazione della natura, è il pittore della grazia interpretata come bellezza filosofica, capace cioè di superare le inevitabili imperfezioni del mondo, è l’ideatore di “quella maniera che noi vogliamo chiamare moderna”.

Chiudiamo il climax con Vasari, che usa l’epiteto “moderna” per spiegare ai suoi contemporanei di fine ‘500 che quella “maniera” è nuova, cioè mai vista e destinata a rimanere un esempio, costruendo senza troppa fatica il mito dell’artista dotato dalla natura di grazia e amabilità quasi sovrannaturali.

La didattica a distanza prova a trasmettere questo: le immagini e gli strumenti per decodificarne il messaggio, ma anche la forza di un linguaggio più ampio che richiama energicamente le idealità più alte e i sentimenti più forti. Come riescono i pochi paradigmi di bellezza non sottoposti alla frustrazione dei tempi e delle mode. E lo deve fare attraverso un veicolo non consueto di ricezione e di rielaborazione, orfano dell’empatia atmosferica della classe ma che, proprio in questo tempo, può diventare una competenza acquisita insieme alla consapevolezza della realtà storica che ciascuno di noi vive ed elabora in maniera differente. Forse è proprio questo il momento in cui la bellezza può essere rinforzo, senza ambire in maniera abusata e prosaica “a salvare un mondo” seriamente compromesso dalla malattia e dalla crisi economica. Si racconti anche così Raffaello, nel suo anno eponimo e nella grazia inarrivabile della sua pittura, come un’occasione di balsamo per l’animo afflitto di questi tempi.

Manuela Bonadeo 

Docente di storia dell’arte 

Liceo “G.Peano” Tortona

800px-Raffaello_Sanzio

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.