Gli “innovatori” in agricoltura premiati da Confagricoltura

Confagricoltura ha premiato ieri al Palazzo della Valle, alla presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed il ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio gli “innovatori agricoli”, ovvero tredici imprese sparse in tutta Italia protagoniste del progresso tecnologico in agricoltura, coniugando sostenibilità energetica ed ambientale, attenzione al territorio e saper creare cultura ed arte.

Il Premio nazionale per l’innovazione in agricoltura di Confagricoltura è stato indirizzato a tutte le aziende agricole che hanno sviluppato o implementato negli ultimi tre anni soluzioni innovative. Il premio è stato suddiviso in tre categorie: Nuove frontiere (innovazioni tecnologiche relative a processi, prodotti e servizi, applicati a livello di impresa); Reti, Filiere (soluzioni innovative intraprese tra due o più attori); Smart land, Smart city (innovazioni che mettano in relazione le aree rurali con quelle urbane e progetti capaci di unire arte, turismo e cultura, creando sinergie fra la dimensione agricola e quella culturale nelle sue varie forme).

Il premio è stato creato da Confagricoltura a dicembre dello scorso anno con un apposito bando e molteplici sono state le candidature pervenute, vagliate da una giuria tecnica composta dal prof. Michele Pisante e composta da rappresentanti del mondo imprenditoriale, istituzionale ed accademico: Luisa Todini, Andrea Granelli, Silvio Franco, Raffaele Maiorano ed Enrico Allasia.

Tra i premiati per la categoria “Smart Land, Smart Cities” l’azienda agricola Chiarlo di Asti. Questa azienda agricola vitivinicola Chiarlo ha realizzato un’innovazione volta alla valorizzazione del territorio attraverso il connubio Vino-Cultura, Arte e Sostenibiltà. All’apertura di un Parco Artistico permanente nel vigneto con il coinvolgimento di Artisti di fama mondiale è seguita la realizzazione di un sistema multimediale che permette a chiunque di visitare il Parco autonomamente ed in modo gratuito fornendo informazioni relative alle opere, sia sculture che installazioni, che al territorio. L’azienda ha certificato i suoi 7 vini più importanti “ViVA wine Sustainable” per diffondere una cultura di riduzione di impatto ambientale e mantenere la biodiversita. Ha inoltre realizzato nel corso del 2018 la mitigazione della cantina attraverso il verde verticale che ha consentito un ideale inserimento paesaggistico nel territorio.

sondaggio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...