Tijani regala al Casalnoceto il sesto posto

Il ghanese, doppietta, stende il Cisterna d’Asti

Ahmed Tijani, venti anni, porta al Casalnoceto un piccolo record; mai il club arancio-nero aveva toccato un simile traguardo dalla sua rinascita, e il merito va a questo ragazzo ghanese che, pronti via, insacca con un bel diagonale preciso.

Quello visto con il fanalino di coda Cisterna d’ Asti non è il solito Casalnoceto, pesano alcune assenze tra cui quella del bomber Maneth Seku, che con undici reti è il capocannoniere della squadra; il 4-3-3 prevede davanti al portiere Baldaro Oseibonsu e Perta difensori laterali, al centro troviamo la coppia Karambakhsh- Finiguerra, Sekou, Sibide e Mazza a centrocampo, trio d’attacco composto da Tijani, Camara e Nko’o; l’inizio è subito scoppiettante, con la rete di Tijani che insacca di diagonale bruciando Butticè; gioca bene il Casalnoceto, Oseibonsu si dimostra difensore di spinta e ha tecnica, l’iraniano Karambakhsh, giocatore esperto (ha giocato nella serie A iraniana, nello Zob Ahan), ha una visione del gioco semplicemente geniale, il trio d’attacco poi trova nel pressing l’arma per non far ripartire gli astigiani.

1023688

Baldaro, nel primo tempo, deve deviare un tiro ravvicinato di Zahariev, poi Sekou, da fuori, lascia partire un bel tiro che Butticè devia in corner; primo tempo senza grosse occasioni fino allo scadere, Camara calcia fuori di poco da posizione invitante.

Nella ripresa il Casalnoceto ha piu’ occasioni per chiudere l’incontro: Tijani calcia sul fondo poi poco dopo costringe Butticè a smanacciare in corner, Karambakhsh su punizione mette in difficoltà Butticè che non trattiene, Camara si avventa ma spreca.

Lo stesso numero nove cerca la rete in semirovesciata ma la palla finisce alta, ancora Tijani e ancora Butticè a respingere; è un duello , quello tra l’estremo numero uno ospite ed il sette arancio-nero che però vede vincente quest’ultimo, con la rete del 2-0.

Ci prova anche Nko’o ma il suo traversone finisce sulla parte alta della traversa, il Cisterna d ‘Asti trova il gol con Dejan Zahariev ma l’ultimo sussulto è del Casalnoceto, Tijani cerca la tripletta personale ma Butticè smanaccia ancora in corner.

Undicesima vittoria per i ragazzi di mister Sartori, i numeri dicono che la difesa è tra le prime cinque del torneo per gol subiti, Tijani con la doppietta sale a quota otto reti, per gli astigiani, ormai retrocessi da tempo, una buona partita.

IL DOPOGARA: “VOLEVAMO LA SESTA PIAZZA”

Silvia Figini, dirigente, analizza la vittoria:” Pur essendo in formazione rimaneggiata abbiamo potuto apprezzare in parte il bel gioco della squadra; se ci sono rimpianti?; abbiamo buttato via punti contro squadre sulla carta tecnicamente inferiori, però considero la stagione positiva”.

Mister Marco Sartori è sereno e ammette:” Volevamo il sesto posto, ai ragazzo ho chiesto di giocare come se fosse la prima gara, per noi questo è un piccolo record”.

Lo stesso Sartori poi però va piu’ a fondo:” Onestamente potevamo giocarci i play-off, il pareggio di due domeniche fa a Solero e la sconfitta interna con la Fortitudo Occimiano sono le partite che ci hanno tolto punti fondamentali per la lotta alla griglia, comunque nelle ultime nove gare abbiamo totalizzato ventun punti, qui oltre alla Fortitudo hanno vinto solo la Don Bosco Asti (promossa) e la Pizzeria Muchacha”.

Daniel Karambakhsh, difensore centrale, è soddisfatto di questa vittoria:” Siamo molto contenti, è stato importante segnare subito, bravo Ahmed a farsi trovare pronto, direi quindi una bella partita, questo sesto posto ce lo siamo meritati”.

Karambakhsh

Marco Finiguerra, capitano e lottatore di un Casalnoceto che ha nel cuore:” Una bella partita, dopo il gol abbiamo avuto un predominio territoriale e anche piu’ azioni per segnare; volevamo vincere, volevamo chiudere bene questo campionato e direi che ci siamo riusciti”

Finiguerra e il futuro:” Io vorrei rimanere, qui c’è un bell’ambiente, sono sicuro che il prossimo anno potremo lottare per i play-off fino alla fine”

 

Casalnoceto: Baldaro, Oseibonsu, Perta, Sekou, Karambakhsh, Finiguerra, Tijani, Mazza, Camara (Sartori), Sidibe, Nko’o (Spazzini)

Cisterna d’Asti: Butticè, Natta, Siano, Cerrato, Gatto Musso, Cestari, Cauda, Zahariev Daniel, Boschetto, Sero (Zahariev Dejan)

Arbitro: Gatti di Alessandria

Reti: 1, 73 Tijani, 86 Zahariev Dejan

 

IL PAGELLONE: TIJANI ONNIPRESENTE, OSEIBONSU PENDOLINO.

Baldaro (7): chiamato raramente in causa, si dimostra attento

Oseibonsu (7,5): un vero e proprio pendolino; salta l’uomo con il sombrero e dimostra tecnica da veterano.

Perta (6): qualche sbavatura ma è attento in difesa

Sekou (6,5): gran lavoro a centrocampo ma deve essere piu’ continuo

Karambakhsh (7,5): un vero professionista, tiene bene il campo e anticipa sempre le mosse dell’avversario

Finiguerra (7): un difensore che non molla mai

Tijani (8): doppietta d’autore; diagonale preciso e raddoppio felino, poi tante altre occasioni; un attaccante veloce difficile da marcare.

Mazza (7): bene a centrocampo, argina con maestria le giocate astigiane

Camara (7,5): si muove ovunque, sbaglia un gol facile ma sa farsi rispettare nel duello personale

Sidibe (7,5): tocchi da maestro per questo centrocampista maliano, palleggio elegante e verticalizzazioni precise.

Nko’o (7): una spina nel fianco per la difesa astigiana, una partita di sacrificio, la traversa gli nega il gol.

Utilizzati: Sartori (sv); Spazzini (7)

 

L’EDITORIALE: PROGETTO GIOVANI

di Mario Bertuccio

Logo

Questa estate, con due-tre ritocchi, questa squadra può ambire a qualcosa di importante per la prossima stagione; il progetto prevede il salto di categoria nel giro di tre anni, si può fare prima del tempo stabilito.

Giocatori come Tijani, Karambakhsh, Oseibonsu, per non dire dei vari Sidibe, Camara e Finiguerra, possono portare Casalnoceto in prima categoria perchè hanno qualcosa che pochi sanno, il talento.

Il progetto giovani e l’ambire ai play-off sono correlati; mister Sartori ha assemblato un gruppo di giocatori ghanesi, maliani, gambiani (piu’ Nko’o proveniente dal Camerun, Karambakhsh dall’Iran e Lacina dalla Costa d’Avorio), ovvero potenza fisica e tecnica, oltre alla fantasia e dalla corsa.

Alla prossima stagione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...