Il Consiglio Comunale di Novi Ligure del 10 aprile

Sono stati approvati tutti all’unanimità i punti all’ordine del giorno del Consiglio Comunale svoltosi ieri sera, mercoledì 10 aprile. All’Assemblea, infatti, erano presenti nove Consiglieri della maggioranza e nessuno dell’opposizione. Gli argomenti trattati erano già stati esaminati all’interno delle Commissioni competenti.

All’inizio è stata approvata definitivamente la variante parziale al Prg (Piano regolatore generale) relativa all’area urbana (già adottata dal Consiglio Comunale nella seduta dell’11 febbraio scorso) con le relative controdeduzioni alle osservazioni presentate. Il documento, che ha ottenuto parere favorevole dalla Provincia di Alessandria, è una variante di adeguamento sia agli strumenti urbanistici, sia alle nuove disposizioni normative degli ultimi anni e risponde a una serie di richieste formulate dai cittadini. Prevede modifiche ad alcuni strumenti urbanistici, alla viabilità ed ai parcheggi, ad alcune aree verdi, ad alcune aree di complesso ambientale.

Altre modifiche riguardano la zona industriale con la trasformazione di due lotti edificabili di proprietà comunale in aree a standard e lo spostamento della capacità edificatoria in due altri lotti, per rispondere a specifiche richieste di potenziamento dell’attività produttiva da parte di operatori già presenti in aree limitrofe (ditte Bodrato e ASI).

Modificato anche l’uso delle aree ferroviarie in via S. Giovanni Bosco e nello scalo ferroviario di San Bovo individuate dal vigente P.R.G. come aree demaniali delle Ferrovie dello Stato e quindi non normate. Si è operata una modifica delle norme di attuazione, non solo quella di via S. Giovanni Bosco di proprietà della società GEFER che implementerà la sua attività di manutenzione dei mezzi ferroviari, ma di tutte le aree ferroviarie anche in previsione del riuso dello Scalo ferroviario di San Bovo.

Altra modifica è l’estensione nell’area del Cipian della possibilità di vendita di prodotti ingombranti, arredamento, esposizione veicoli, come nell’area industriale nord-ovest. e l’individuazione di due lotti in lotti edificabili su richiesta della società Specialacciai, che saranno successivamente acquisiti dalla stessa.

Sono state riconfermate con ulteriori precisazioni, le disposizioni normative sull’area dello stabilimento Pernigotti, atte ad ostacolare possibili attività speculative di carattere immobiliare. La Variante prevede altresì la reiterazione dei vincoli, che non sono stati eliminati.

Si è proseguito con l’accorpamento a demanio stradale di strade e pertinenze in zona Cipian. L’approvazione della deliberazione consiliare risolve finalmente un annoso problema di competenze relativo all’area artigianale.

È stato approvato anche il secondo aggiornamento del Dup 2019/2021 (Documento unico di programmazione) con il piano alienazioni e valorizzazione del patrimonio immobiliare.

La seduta è terminata con la ratifica della quinta variazione del Bilancio di Previsione.

Si tratta – ha spiegato l’Assessore al Bilancio – di variazioni compensative che contengono due poste principali in entrata: 120 mila euro di un contributo regionale per il Teatro Marenco e 169 mila euro versati dall’azienda Smurfit che saranno utilizzati per interventi di manutenzione. Il versamento chiude un’annosa vicenda relativa a un credito vantato dal Comune nei confronti dell’imprenditore Valter Marletti, poi fallito, successivamente trasferito all’acquirente dello stabilimento.

Ufficio Stampa Comune di Novi Ligure

municipio-novi-998x640

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...